Ordine dei Farmacisti della provincia di Macerata

Chi siamo

L'Ordine è un "Ente di diritto pubblico non economico" i cui provvedimenti hanno carattere di "atti amministrativi" sottratti al controllo esterno di legittimità. È dotato di autonomia organizzativa e di regolamentazione, ed è retto da un Consiglio direttivo composto da un numero di membri calcolato in rapporto al numero degli iscritti.

Continua a leggere

FOFI

fofi

Conferma della validità della pianta organica, vendita di alcuni farmaci e confezioni senza obbligo di presenza del farmacista, nuovo concorso straordinario per nuove sedi, ampliamento dei contesti in cui prevedere la figura del farmacista, incompatibilità tra titolarità di farmacia e di esercizi di vicinato. Queste le intenzioni e le previsioni della proposta di legge, non ancora depositata, illustrata da Pierpaolo Sileri, senatore M5s Presidente della12ª Commissione Igiene e sanità, in occasione degli Stati generali della farmacia organizzato a Roma da Federfarma con il supporto non condizionato Mylan. Una proposta, ha spiegato Sileri, che intende trovare una «soluzione all'annosa questione delle parafarmacie cercando di accontentare tutti, le parafarmacie che chiedono di ampliare il servizio effettuato, con richieste più o meno dirompenti, e le farmacie preoccupate da ulteriori liberalizzazioni e nella consapevolezza che il farmacista non è solo un commesso che apre un cassetto e consegna un farmaco».
«Questo ddl - ha affermato il senatore pentastellato - intende ribadire la centralità della farmacia confermando l'istituto della pianta organica, come strumento efficace di programmazione, e utilizzare le sedi farmaceutiche istituite e non aperte nei luoghi ad alto afflusso di pubblico, e quelle non ancora assegnate e bandire un nuovo concorso riservato ai titolari di farmacia rurale sussidiata ai titolari di farmacie soprannumerarie e ai farmacisti proprietari di parafarmacia e ai farmacisti non titolari. In tal modo si consentirà ai molti giovani laureati in farmacia e a quelli che si erano risolti ad aprire una parafarmacia di diventare titolari di una farmacia. Inoltre, vuole ripensare l'esperienza della parafarmacia introducendo anche in Italia la possibilità che alcuni farmaci individuati dall'Aifa siano liberamente venduti negli esercizi di vicinato e nei centri di grande distribuzione senza la necessità della presenza categorica del farmacista. Una modalità di dispensazione - ha chiarito - prevista in altri paesi dell'Unione europea prevedendo confezioni di farmaci del minor numero di unità di somministrazioni previo accordo con l'Aifa tenendo conto di limitare i rischi per i pazienti. Per passare a questo nuovo modello serviranno mesi, e gli esercizi avranno 24 mesi per adeguarsi alla nuova normativa. È prevista anche l'introduzione di una ulteriore incompatibilità tra titolarità di farmacie e titolarità di esercizi di vicinato che vendano i farmaci di libera vendita al fine di evitare confusione nel cittadino e di tutelare la concorrenza. Infine - ha concluso Sileri - questa proposta intende valorizzare la professione del farmacista ampliandone gli ambiti di esercizio a tutela della salute in contesti peculiari in cui vengono forniti farmaci. Pensare quindi al farmacista di reparto che controlla e aggiusta le terapie, alla sua presenza nelle strutture sanitarie, nelle residenze socio-assistenziali in cui il farmacista rappresenta il servizio sanitario nazionale, così come nelle navi da crociera, nelle carceri».

Farmacista33

 

 

 

 

 

Si chiama “Comitato Titolari per la Riforma di Enpaf” e ha già più di cinquanta di iscritti, la pagina Facebook creata per aggregare consensi con il fine di avviare un percorso volto ad una riforma dell’Enpaf. Il comitato, che si aggiunge agli altri vari gruppi nati in passato, questi ultimi costituiti per lo più da non titolari di farmacia, si presenta con una prima proposta di riforma dell’ente previdenziale dei farmacisti. In particolare, si legge nel manifesto pubblicato e sottoscritto da quindici farmacisti titolari di farmacia, «poiché anche gli accantonamenti proseguono anno dopo anno al fine di raggiungere le annualità obbligatorie, è giunto il momento di rivedere punti divenuti essenziali per tutti gli iscritti: pensionati, collaboratori dipendenti e titolari di farmacia, proponendo, per una prima approvazione propositiva, tramite i presidenti degli Ordini provinciali, all’Assemblea annuale dell’Enpaf, quindi, ai Ministeri competenti, i punti essenziali, e ormai improcrastinabili per moltissimi iscritti, di modifica del regolamento dell’Enpaf, ovviamente riparametrando le contribuzioni su una base differente dall’attuale».

Sono sette in particolare le proposte presentate, ovvero che «l’iscrizione all’Enpaf sia obbligatoria solamente per i farmacisti lavoratori autonomi titolari di partita IVA», che l’iscrizione all’Enpaf possa essere facoltativa e complementare per i farmacisti dipendenti pubblici e privati che abbiano altra forma di previdenza ed assistenza obbligatoria», che la «contribuzione in percentuale sul reddito professionale oltre quota fissa minima», ma anche una «esenzione totale dal pagamento dei contributi per i pensionati che continuano a restare iscritti all’Albo, ma con obbligo di partecipare alle quote per l’assistenza e a un contributo fisso di solidarietà da determinarsi». Inoltre, «lo 0,90% derivante dal valore delle prescrizioni spedite in regime di Ssn diventi, in modo prioritario, contribuzione ai fini pensionistici per ciascun titolare, compresi i singoli soci farmacisti delle società proprietarie di farmacie, anche questo decurtato della stessa quota di solidarietà dei pensionati», «nel caso di società di capitale o individuali, lo 0,90% del fatturato al netto dell’IVA, dei ticket, degli sconti e delle quote di previdenza e sindacali, sia suddiviso per quota uguale fra tutti i soci farmacisti», ed infine, favorire «una pensione minima onorevole adeguata alla professione». Tutto ciò – spiegano i promotori dell’iniziativa «lasciando invariato il pareggio di bilancio annuale dell’ente».

La formazione di un comitato appositamente creato per la riforma dell’ente previdenziale dei farmacisti, di certo non è la prima ne l’ultima iniziativa in tal senso. Una, tra quelle con il maggior risalto mediatico, fu quella dello scorso maggio 2018, in cui Fofi, Fenagifar e Federfarma – con il sostegno di Assofarm -, proposero una serie di modifiche al regolamento, con la finalità di avviare una «revisione complessiva e strutturale delle disposizioni che regolano la previdenza dei farmacisti». All’epoca dei fatti, l’iniziativa scaturì una serie di critiche, tra cui quella di Pasquale Imperatore, presidente dell’Ordine dei farmacisti di Matera, nonché membro del consiglio di amministrazione dello stesso ente previdenziale, il quale definì le proposte come «una non riforma», ma anche di varie associazioni anche di varie associazioni, tra cui Conasfa, Sinasfa, Fnpi, e Lpi.

Lo stesso Emilio Croce, presidente dell’Enpaf, intervenne sostenendo il «confronto collegiale» come «via maestra». Il dirigente aveva sottolineato in particolare che «se l’obiettivo è quello di riformare la previdenza di categoria, come sostengono tutte le componenti della professione, allora bisognerebbe adottare comportamenti conseguenti e responsabili, senza scatti in avanti o scarti di lato».

Farmaciavirtuale

© Ordine dei Farmacisti della provincia di Macerata 2013-2019 - Powered by SpoonDesign & Studiofarma