Ordine dei Farmacisti della provincia di Macerata

Chi siamo

L'Ordine è un "Ente di diritto pubblico non economico" i cui provvedimenti hanno carattere di "atti amministrativi" sottratti al controllo esterno di legittimità. È dotato di autonomia organizzativa e di regolamentazione, ed è retto da un Consiglio direttivo composto da un numero di membri calcolato in rapporto al numero degli iscritti.

Continua a leggere

FOFI

fofi

In tema di obblighi Ecm, per le nuove professioni sanitarie (Legge Lorenzin, n. 3 dell'11 gennaio 2018), dalla commissione nazionale Ecm è stata deliberata, in una riunione di fine luglio, la possibilità di portare in riduzione sul prossimo triennio 2020-2022 i cinquanta crediti acquisiti entro fine anno.
Ne ha dato notizia una comunicazione riportata sul sito dedicato della Commissione, mentre per i farmacisti continua il conto alla rovescia, con 69 giorni di tempo per completare gli obblighi formativi entro la fine del triennio 2017-2019.
Per quanto riguarda le nuove professioni sanitarie, di cui alla Legge Lorenzin, secondo quanto riporta la delibera uscita dalla riunione della Commissione Ecm del 25 luglio, è stato stabilito che per i professionisti per cui non sussisteva un obbligo di formazione continua mediante l'acquisizione di crediti Ecm precedente alla legge Lorenzin «per il triennio 2020-2022, potranno portare in riduzione i cinquanta crediti formativi Ecm che abbiano acquisito entro il 31 dicembre 2019».
Un provvedimento preso alla luce del fatto che è stato «ritenuto opportuno riconoscere un incentivo volto a evitare che le incertezze derivanti dal periodo transitorio attuativo della legge Lorenzin possano ingenerare il procrastinarsi dell'iscrizione all'albo professionale».


Farmacisti: più attenzione a formazione

Per i farmacisti, mancano 69 giorni alla fine del triennio. «La percezione» fa il punto Giovanni Zorgno, presidente dell'Ordine di Savona e membro della Commissione nazionale formazione continua, in qualità di rappresentante della Fofi, «è che dopo il caso, prima dell'estate, dell'odontoiatra di Aosta sanzionato si sia diffusa una maggiore attenzione e ci sia stata una maggiore spinta a ottemperare gli obblighi Ecm. Ancora, però, non è possibile avere un quadro preciso, né del triennio scorso ('14-16) né di quello in chiusura ('17-19). Questo in relazione, in particolare, alla possibilità di spostamento dei crediti dal triennio in corso a quello precedente e al tempo eventualmente previsto per il caricamento dei crediti sulla piattaforma Cogeaps. Ci aspettiamo che la situazione sarà più chiara più avanti. Il nostro augurio al momento è che venga prorogata la possibilità di spostare i crediti da un triennio all'altro anche dopo il 31 dicembre». A ogni modo, «forse anche alla luce del cambio al Ministero, siamo in attesa di una nuova riunione della Commissione Ecm, che dovrà, tra l'altro, anche deliberare regole e indicazioni per il prossimo triennio».

Farmacista33

L'incontro che, a Pharmevolution, ha visto confrontarsi Ornella Barra con i vertici di Federfarma ha avuto nella discussione sull'ingresso dei capitali in farmacia uno dei suoi nodi primari. E le parole della manager globale di Walgreens Boots Alliance hanno rassicurato fino a un certo punto il presidente di Federfarma nazionale Marco Cossolo: «Ho i miei dubbi che, come ha detto Ornella Barra, tra cent'anni la farmacia indipendente italiana sarà ancora salda come lo è nel Regno Unito e negli Usa, dove le catene esistono da un secolo. Ma non è questo il punto. Il nostro obiettivo, come dirigenti di Federfarma, è quello di lavorare affinché le farmacie che decidono di rimanere indipendenti abbiano in futuro la possibilità di competere con quelle che, legittimamente, hanno optato per entrare a far parte di una catena».

Modello italiano lontano da logiche commerciali

Gli fa eco il segretario nazionale del sindacato titolari Roberto Tobia, che tocca il tema dei capitali all'interno di un più ampio excursus sul modello italiano di farmacia, «fatto di capillarità, qualità del servizio e prossimità ai cittadini».
Un modello storicamente alieno da logiche commerciali, tipiche del modello anglosassone, ma che le novità legislative degli ultimi anni hanno in parte snaturato: «La sostenibilità del sistema farmacia è stata incrinata dai tagli sulla spesa farmaceutica, dalla normativa che ha dato il via alla distribuzione diretta, dalle liberalizzazioni in tema di orari e di nuove aperture, dalla legge sulla Concorrenza».
Il fatturato Ssn è in costante calo, quella di estendere la professionalità del farmacista a prestazioni differenti dalla dispensazione è una necessità, ma con la dovuta attenzione: «Dopo dieci anni sta partendo la sperimentazione della farmacia dei servizi, ma anche la sua attuazione avrà senso soltanto se porterà a una maggiore integrazione della farmacia italiana nel Servizio sanitario nazionale».
E capitali? «Se da un lato possono venire in soccorso alle farmacie in difficoltà, dall'altro la presenza sul mercato di player particolarmente aggressivi può comportare degli svantaggi per le farmacie indipendenti. Senza contare il rischio, da me denunciato da tempo, che nel sistema affluiscano capitali di dubbia provenienza, se non addirittura finalizzati al riciclaggio di denaro sporco».
Sono quindi opportune «chiare contromisure dal punto di vista normativo, vincoli e controlli per la sostenibilità della farmacia. Compresa la definizione di paletti che limitino un po' la presenza dei capitali. Non è sulle logiche commerciali e sulla concorrenza che intendiamo puntare ma sulla tutela della salute del cittadino».
Fugace l'accenno di Tobia alla soluzione della questione parafarmacie, senza entrare nel dettaglio.
Da parte sua la presidente del Sunifar Silvia Pagliacci ricorda che: «la farmacia più ricca deve sostenere la più fragile a realizzare i progetti che Federfarma sta portando a casa. La farmacia dei servizi è realtà soprattutto nelle aree sotto i cinquemila abitanti, dove il Servizio sanitario non è rappresentato. Il sussidio che viene dato ai rurali, l'indennità di residenza, deve essere sostanziale e non simbolico, deve essere recepito da tutte le Regioni ed essere detassato perché su questo si gioca il futuro delle rurali».

Chiude Gioacchino Nicolosi, presidente di Federfarma Sicilia e storico patron dell'evento siciliano: «Pharmevolution ha sempre cercato di fare da trait d'union tra le varie facce della farmacia: l'industria, la distribuzione, Federfarma e le farmacie stesse. In passato abbiamo temuto che, entro pochi anni, 5-6.000 farmacie sarebbero appartenute alle catene, oggi sono solo poche centinaia. E questo vuol dire che la farmacia ha saputo rispondere bene, il sindacato ha fatto il suo lavoro e si stanno creando le catene all'interno di Federfarma per dare supporto alla farmacia. Ma non possiamo avere le farmacie delle catene multinazionali e quelle indipendenti. Dobbiamo lavorare tutti insieme, nessuno escluso per il bene della farmacia e del cittadino».

Farmacista33

© Ordine dei Farmacisti della provincia di Macerata 2013-2019 - Powered by SpoonDesign & Studiofarma